Ogni Relazione Ha Bisogno Di Limiti. Anche Quella Familiare

Spesso facciamo fatica a stabilire dei limiti con le persone più vicine a noi. A volte è più facile dire a uno sconosciuto che ci ha tagliato la strada in un caffè di andare a mettersi in fondo alla fila che dire a nostra madre di smettere di chiamarci durante l’orario di lavoro.

I limiti in famiglia sono sempre un’altra cosa: spesso ci chiediamo se ci è permesso fissarli o se ne abbiamo bisogno.

Ma ogni relazione ha bisogno di limiti.

A molti di noi non sono stati insegnati i limiti. Certo, molti dei nostri genitori non ne sanno molto. I “limiti” sono diventati un argomento scottante solo di recente ed è importante superare le difficoltà riscontrate, le cause scatenanti e le paure legate alla loro definizione.

Le reazioni più forti si verificano spesso quando il limite di un individuo sfida le regole o le tradizioni della famiglia. Può essere semplice come alloggiare in un albergo vicino durante le vacanze invece di dormire su un materasso gonfiabile in salotto. Il vostro bisogno di spazio e privacy può sfidare l’idea romantica che i vostri genitori hanno delle vacanze. Tuttavia, i limiti che incontrano maggiore resistenza sono quelli che comportano la richiesta a qualcuno di modificare il modo in cui si relaziona con voi, un limite che richiede un cambiamento. Per esempio: “Se continui ad alzare la voce, chiuderò la conversazione”.
 
Stabilire dei limiti può essere semplice come dire: “Apprezzo il tuo punto di vista, ma prenderò questa decisione da solo”.

Potreste chiedervi quali sono gli altri confini della famiglia. Ecco alcuni esempi:

  • “Apprezzo il tuo punto di vista, ma prenderò questa decisione da solo”.
  • “Rispetto i tuoi valori e le tue convinzioni, ma non li condivido”.
  • “Non sarò più la persona di mezzo nelle discussioni familiari”.
  • “Se avete un problema con un membro della famiglia, rivolgetevi direttamente a lui”.
  • “La mia privacy è molto importante per me, ti prego di rispettarla”.
  • “Non sono pronto a parlare della mia rottura”.
  • “Per favore, non chiamarmi durante l’orario di lavoro, a meno che non si tratti di un’emergenza”.
  • “So che tu e la mamma state divorziando, ma mi rifiuto di prendere posizione”.
  • “Prendere in giro il mio peso o la mia situazione sentimentale mi ferisce. Per favore, smettila”.
  • “Mi aspetto che il mio partner sia trattato con gentilezza, altrimenti non verremo più a trovarvi”.
  • “Per favore, smettete di chiederci quando avremo dei figli. Questo mette sotto pressione la nostra relazione”.
  • “Non posso prestarti altri soldi finché non mi restituisci la somma iniziale”.
  • “Puoi prendere in prestito la mia auto a patto che me la riporti prima delle 17”.
  • “Decido io come crescere i miei figli”.
  • “Non mi piace essere definito sensibile o drammatico ogni volta che parlo dei miei sentimenti”.


Naturalmente, questi sono solo esempi generali e ogni limite deve rispecchiare l’individuo e il suo contesto (non c’è una misura unica per tutti). Per molte persone, le dinamiche familiari non lasciano molto spazio per chiedere ciò di cui hanno bisogno, dire di no, essere se stessi, condividere le proprie emozioni/pensieri o essere in disaccordo. Non è raro che siamo cresciuti pensando che i limiti siano una forma di rifiuto, disobbedienza o mancanza di rispetto. Cresciamo pensando che porre un limite sia “cattivo” e possa portare alla rabbia o al rifiuto, invece di capire che un limite può servire come schema per le nostre relazioni.

I confini non significano avere diritto e pretendere di ottenere sempre quello che vogliamo. Si tratta di gestire i bisogni e di onorare i valori per noi stessi e per gli altri. Stabilire dei limiti può mettere a disagio, soprattutto se la persona inizia a chiedersi se la amiamo. In questi contesti, potrebbe essere utile spiegare loro cos’è un confine e qual è il suo scopo: una comprensione più profonda e un senso di sicurezza.

Infine, non dimenticate di chiedere ai vostri familiari quali sono i confini che ritengono mancanti e che vorrebbero aggiungere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHI SONO

Benedetta Gherardini

Ciao! Sono Benedetta Gherardini, una Mental Coach Relazionale certificata ACC specializzata in Relazioni e crescita personale, Coach, consulente e scrittrice.

SOCIAL

Mental Coaching Relazionale

Diventa la migliore versione di te stessa

Articoli Recenti

Scegli il tuo percorso

Categorie

Edit Template

Vuoi essere Contatta/o e ricevere Promozioni? Iscriviti alla mia Newsletter!

Grazie Mille!