TRADIMENTO: COME CONFESSARLO?

Ho tradito. Come posso confessarlo al mio partner? La maggior parte di noi concorda sul fatto che tradire un partner è sbagliato, eppure le statistiche sull’infedeltà sono ancora alte.

Questo perché l’idea che sia moralmente sbagliato non cambia il fatto che molti di noi sono stati traditi. E se siamo onesti con noi stessi, alcuni di noi hanno anche tradito.

A tutti noi piacerebbe credere che non saremmo mai capaci di ferire il nostro partner in questo modo, che lo lasceremmo, che saremmo onesti con lui o che ci fermeremmo prima che la possibilità di tradire entri nell’equazione.
Ma cosa succede se si tradisce?

5 modi in cui le persone reagiscono al tradimento

  • Lo dicono al partner per ferirlo o incolparlo.
  • Non dicono mai al partner quello che hanno fatto.
  • Mantengono il segreto dell’infedeltà, ma rompono con l’altra persona per porre fine alla disonestà.
  • Dicono al partner di aver tradito per spiegare perché la relazione dovrebbe finire.
  • Raccontano all’altra persona l’infedeltà nella speranza di riparare la relazione.

Se si tradisce, confessare fa più male?

Ho sentito di persone che sono rimaste sconvolte quando il loro partner ha rivelato la loro infedeltà, desiderando di non sapere se davvero non significava nulla. Ma solo alcuni si sentono così.

Avete discusso con il vostro partner su cosa si intende per infedeltà e su come comportarsi in caso di infedeltà? Non sono cose romantiche da discutere all’inizio di una relazione, ma una comprensione reciproca può essere utile in queste situazioni.

Se volete dire al vostro partner che lo avete tradito, chiedetevi: qual è il motivo? Sperate di dire un addio onesto o di riparare la relazione?

Cosa fare se si vuole riparare la relazione dopo un tradimento? Se volete continuare la relazione, ecco un paio di cose da ricordare durante la conversazione: Non è il momento di giustificare le proprie azioni. Forse credete che dal vostro punto di vista non sia stato “tecnicamente” un tradimento. Forse pensate che ci fosse una buona ragione per cui avete tradito o che fosse troppo difficile ignorare la tentazione. Indipendentemente dalla vostra giustificazione o motivazione, non è questo il momento di condividerla. Non si tratta di incolpare il partner. Forse siete convinti che la loro mancanza di impegno vi abbia portato a tradire. Forse lo incolpate. La realtà è che nessuno può costringervi a tradire. Le circostanze possono essere state difficili, ma è essenziale assumersi la responsabilità dell’azione stessa. Rendetevi conto che dovete creare uno spazio per consentire loro di condividere i loro pensieri e sentimenti (se lo desiderano). Siate pronti a ricevere le loro reazioni con empatia e compassione. Non mettetevi sulla difensiva: hanno bisogno di tempo per elaborare il dolore Non basta dire la verità. Dire la verità è una cosa, chiedere scusa è un’altra. Esprimete il vostro dispiacere (in modo esplicito), per cosa siete dispiaciuti e come le cose saranno diverse d’ora in poi. Poi, dedicate del tempo a ricostruire la fiducia attraverso le vostre azioni. È il momento di lavorare. Se non volete più avere una relazione, ditelo. In caso affermativo, preparatevi ad affrontare un periodo di espiazione. Questo spesso implica chiedere al partner cosa si può fare per ricostruire la sicurezza, la fiducia e l’intimità (non date per scontato ciò di cui ha bisogno o che vuole). Le azioni che chiedono o i limiti che stabiliscono possono non corrispondere al funzionamento della relazione fino a quel momento (ad esempio, controllare più frequentemente, tornare a casa a orari specifici, evitare luoghi, persone o cose coinvolte nell’atto offensivo), ma a causa della rottura, la relazione può cambiare per un po’. Questo può non diventare uno stato permanente della relazione, ma bisogna avere pazienza. La guarigione non è immediata.

Benedetta Gherardini mental coach ACC specializzata in relazioni tossiche, distacco dall’ex e crescita personale.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHI SONO

Benedetta Gherardini

Ciao! Sono Benedetta Gherardini, una Mental Coach Relazionale certificata ACC specializzata in Relazioni e crescita personale, Coach, consulente e scrittrice.

SOCIAL

Mental Coaching Relazionale

Diventa la migliore versione di te stessa

Articoli Recenti

Scegli il tuo percorso

Categorie

Edit Template

Vuoi essere Contatta/o e ricevere Promozioni? Iscriviti alla mia Newsletter!

Grazie Mille!